Enoturismo: le Cantine dell’Ogliastra

Il segreto della longevità in Sardegna: il Cannonau

Bevi Cannonau e campi cent’anni! L’Ogliastra non è soltanto la zona più selvaggia della Sardegna ma sembra anche nascondere il segreto dell’elisir di lunga vita: lontananza dallo stress cittadino, natura selvaggia, mare, cibo genuino e il Cannonau.
Il Cannonau è uno dei vitigni più antichi e diffusi in Sardegna. Inizialmente considerato di origine iberica, recenti ritrovamenti di vinaccioli databili intorno al 1200 a.C. in diverse zone dell’isola, confermerebbero che il Cannonau è un vitigno autoctono, tra i più antichi esempi di vite nel Mediterraneo.

Sono diverse le Cantine presenti nel territorio ogliastrino che producono il Cannonau, passando dai 700 metri di Jerzu per poi scendere sino al mare verso Cardedu.

La prima Cantina è quella di Jerzu, Antichi Poderi di Jerzu, fondata nel 1950, cooperativa italiana con 430 soci viticoltori. Abbiamo poi la Cantina sociale Tortolì- Ogliastra, con sede a Tortolì, che prende il nome dall’omonima regione, posta tra il Gennargentu e il Tirreno.
A Cardedu viene prodotto il Perda Rubia, prodotto dal 1949 da Mario Mereu. E infine la Cantina di Alberto Loi, sempre a Cardedu.

Ovviamente non possono mancare eventi dedicati al Cannonau. Il più importante si svolge proprio a Jerzu, Calici di stelle, una manifestazione con concerti e degustazioni che si svolge nella prima settimana di Agosto.